logo Formae Mentis
logo Formae Mentis

Seguici su

Blog,Fabio Pandiscia,linguaggio del corpo,uomo-donna

La comunicazione femminile

 

La comunicazione femminile
Foto di Amy Hirschi su Unsplash

La comunicazione femminile

Nel post precedente abbiamo parlato di come comunicare meglio con un uomo, un piccolo aiuto per le donne.

Oggi parleremo di come viene regolata la comunicazione dell’universo femminile, un piccolo aiuto per gli uomini.

Il tema tratta sempre le stesse ricerche citate nel nostro libro  Il metodo antiballe – ediz. Anteprima  al quale vi rimandiamo per approfondimenti sul tema.

Come si differenzia il modo di parlare femminile da quello maschile?
Diamo qualche consiglio questa volta…. agli uomini.
La comunicazione femminile è troppo complessa per seguirla, e non ha per forza un filo logico da seguire.
Limitatevi ad ascoltare “cosa molto apprezzata da una donna” e a verificare le EMOZIONI celate dalle parole.
Se ad esempio vi dice “non mi dici mai che sono bella” non intende dire che PER DAVVERO non lo dite mai, ma che le manca sentirselo dire.
Invece di avviare una discussione su questo, meglio darle ragione e confortarla.
Se si rende conto di parlare con un uomo, apprezzerà  il vostro tentativo di discutere con lei.
La comunicazione femminile
Foto di Brooke Cagle su Unsplash

Le donne inoltre emettono molti suoni per esprimere emozioni, come Oooh! Wow! di meraviglia, o Ehmmm quando riflettono.

E’ bene che vi esercitiate a fare anche voi suoni simili, dimostra le vostre sensazioni a riguardo.

Le donne non cercano SOLUZIONI ai problemi, vogliono solo parlarne, il più delle volte, per chiarirsi le idee in merito.

Se vi dicono che la loro migliore amica è rimasta senza lavoro, NON OFFRITEGLI alternative utili, consigliandole di andare a un ufficio di collocamento o ricordandole che vostro cugino sta cercando una segretaria.

Ascoltatela e cercate di comprendere cosa intende dire con quelle parole.

La maggior parte delle volte non vorrà  che interveniate in alcun modo, ma è sempre meglio chiederglielo per essere sicuri.

Richieste di aiuto anomale

Quando una donna ha bisogno di aiuto, manda piccoli segnali (per lei non sono piccoli, ma per un uomo si) per richiamare l’attenzione sui suoi problemi.
Potrebbe usare giri di parole, frasi complesse e simili.
Se per esempio ha bisogno di aiuto per scaricare la spesa dalla macchina, potrebbe dire: “sai, in questo periodo non vado in palestra perché mi fa male il polpaccio. Sapessi che fatica far la spesa!”
Se fosse un uomo a dire così, vorrebbe dire proprio questo: che non va in palestra e che è una fatica.
Una donna sta chiedendo aiuto coi pesi.
Per natura non parla direttamente di queste cose, perché le altre donne si offrono sempre di dare aiuto quando una loro compagna è in difficoltà  per qualche motivo.

Una donna può parlare solo per sfogarsi e per mettere a fuoco un problema, è bene domandare “posso aiutarti con questo?” o meglio ancora: “sono qui, se hai bisogno di me. Se posso darti una mano, chiedi quando vuoi”.

Per ulteriori approfondimenti consigliamo il libro…

La comunicazione femminile

Perchè mi tradisci

Il libro “Perché mi Tradisci” di Fabio Pandiscia e Antonio Meridda si propone di spiegare, in modo chiaro e approfondito, le dinamiche della coppia e i motivi per cui oggi, come 3.000 anni fa, il tradimento è tanto diffuso.

Tutti temiamo di essere vittima del peggiore dei tradimenti: quello sentimentale.

Per quanto sia punito e odiato chi lo commette, da sempre e ovunque esistono i traditori. Peggio ancora: tutti abbiamo tradito o siamo stati traditi.

Fa parte del nostro DNA oppure è un modalità di azione acquisita? Ed esiste un modo per evitarlo?

———————————————————

Continua a seguirci sui social

Facebook – Gruppo Linguaggio del corpo –

Telegram  http://telegram.me/formaementis

 

Tags
comunicazione,psicologia,uomo-donna
Share This
Open chat
Ciao 👋
possiamo aiutarti?